Monumento commemorativo Peter Fechter

  • Peter Fechter Mahnmal

Il 17 agosto 1962, Peter Fechter fu fucilato e ucciso dalle guardie di frontiera della RDT mentre tentava di fuggire verso ovest superando il muro di Berlino. Mentre il suo collega riusciva a fuggire, i soldati lasciarono morire il giovane operaio edile, gravemente ferito, ai piedi del muro, nella cosiddetta striscia della morte, senza cure mediche. Solo dopo ben 50 minuti fu prelevato dalle guardie di frontiera della RDT e portato in un ospedale, dove alla fine morì. Il monumento a Peter Fechter commemora la morte disumana dell'allora diciottenne e il Muro come emblema di mancanza di libertà e oppressione.

Memoriale per le vittime del muro

L'atmosfera sul confine interno tedesco a Berlino è tesa per tutta l'estate del 1962 e non passa una settimana senza che si verifichino incidenti sanguinosi. La popolazione di Berlino Ovest è sempre più restia ad accettare ciò che accade sul Muro. Il 13 agosto 1962, primo anniversario del Muro, si ribella contro la divisione della città e gli atti di violenza contro i profughi di frontiera. Qualche giorno dopo, il 17 agosto, l'assassinio di Peter Fechter suscita orrore e la gente piange il lutto. Lo stesso giorno, i cittadini di Berlino Ovest depongono corone e fiori nella Zimmerstraße e innalzano il luogo commemorativo con una croce di legno, che è stata conservata fino ad oggi. Ogni anno, il 13 agosto, residenti e politici commemorano le vittime che hanno perso la vita accanto al Muro. Tra il 1949 e il 1989, sul confine interno tedesco morirono in totale 960 persone.

... voleva solo libertà

Peter Fechter non fu la prima vittima del Muro, ma è stato il primo a morire in maniera così pubblica. Le drammatiche circostanze della sua morte sono state documentate su pellicola. Lo hanno reso la vittima del Muro più nota al mondo, il cui desiderio di libertà è stato punito con la morte. Numerosi testimoni oculari su entrambi i lati del muro non poterono fornire alcun aiuto. Nemmeno gli Alleati, di stanza a soli cento metri dal Checkpoint Charlie, osarono entrare a Berlino Est. A causa della situazione politica estremamente tesa, temevano di scatenare un conflitto militare. Inoltre, la polizia di frontiera di Berlino Est non poteva entrare nelle strisce di confine senza autorizzazione. Solo dopo 50 minuti Peter Fechter, gravemente ferito, fu portato in ospedale, dove morì poco dopo. La croce di legno, eretta in memoria di Peter Fechter, è stata sostituita nel 1999 da una stele con l'iscrizione "... voleva solo la libertà".

Con un biglietto attraverso Berlino

Rendi il tuo soggiorno a Berlino un momento indimenticabile con la Berlin WelcomeCard, il biglietto turistico più popolare della città. Già venduto in oltre di 12 milioni di copie, il biglietto turistico ufficiale di Berlino offre sconti fino al 50% su più di 200 attrazioni. Inoltre, la WelcomeCard consente l'uso gratuito dei mezzi pubblici, sia nella zona di Berlino (zona tariffaria AB), sia in un ulteriore raggio fino a Potsdam (ABC).

Raccomandazione


Apri in Google Maps